Tra la catastrofe e lo svelamento

Jannis Kounellis, Senza titolo (Svelamento), 2012 - Chiesa di San Fedele, Milano

La parola Apocalisse deriva da un termine greco che significa rivelazione. Già i primi cristiani, con il termine Apocalisse, volevano indicare la manifestazione di Cristo alla fine dei tempi. Nell’arte contemporanea gli artisti interpretano la fine dei tempi e la rivelazione di un nuovo tempo spesso con rimandi simbolici alle descrizioni originali. 

Qualcuno ne parla come una catastrofe definitiva e altri come lo svelamento di una nuova storia.

Dio circondato di maestà e santità è seguito dalla visione dell’agnello (Cristo) e del libro, cioè un rotolo di pergamena sigillato. Gli avvenimenti descritti nel libro sono caratterizzati dal numero sette: sette sigilli, le sette trombe che preannunciano il giudizio divino, le sette coppe, segni premonitori del giudizio finale, ed infine i sette flagelli. Le trombe avvisano della comparsa del falso messia, l’anticristo, o la bestia, scelto da Satana.

Dominique Gonzalez-Foerster, TH.2058, 2008 - Tate Modern come un rifugio in tempo di guerra cosa contemporary sacred art apocalisse catastrofe e rivelazione
Dominique Gonzalez-Foerster, TH.2058, 2008 – Tate Modern come un rifugio in tempo di guerra

L’incertezza, la liquidità e l’immaterialità che caratterizzano gli ultimi decenni sembrano essere la causa delle scene descritte in diverse opere contemporanee. Mostrano il racconto di una profezia, di un mistero, una tragedia. Nell’Apocalisse gli angeli versano “le sette coppe dell’ira di Dio” sulla Terra (Ap 16,1). L’Armageddon viene dopo il versamento della sesta coppa. La battaglia finale tra i re della terra (incitati da Satana) e Dio, tra il bene e il male.

Il paradiso perduto e ritrovato.

Nell’Apocalisse si ritrovano tanti elementi presenti nella Genesi. Il paradiso perduto e ritrovato. Il giardino dell’Eden, che cede il posto alla città di Dio. L’albero della vita della Genesi riappare nell’Apocalisse.

thomas-braida-armageddon-2012-oil-on-canvas-187-x-222-cm contemporary sacred art catastrofe e rivelazione apocalisse
Thomas Braida, Armageddon, 2012

Nell’Apocalisse si ritrovano tanti elementi presenti nella Genesi. Il paradiso perduto e ritrovato. Il giardino dell’Eden, che cede il posto alla città di Dio. L’albero della vita della Genesi riappare nell’Apocalisse. Resurrezione, croce e passione, piaghe, dannati ed eletti, fanno tutti la loro comparsa nella Genesi e nella Rivelazione di Giovanni. Sembra che gli artisti interpretino l’atto finale di un periodo che attende il trionfo di un linguaggio nuovo.

Credits:
www.alfabeta2.it
www.centrosanfedele.net
www.modernedition.com
www.artnet.com
www.bibbia.it