Il legame tra l’uomo e le cose

Zhang Huan, East Wind and West Wind, 2015 cosa contemporary sacred art religione uomo e cose

La religione è il legame che si instaura tra l’uomo e le cose. Una realtà così originaria, così sacra, da essere considerata qualcosa di più grande di noi. Viene prima delle nostre scelte, ci precede e ci accompagna in tutti i giorni della vita. Era prima che noi volessimo volerla o potessimo pensarla. 

Il vocabolario dice che la religione è “Il rapporto, variamente identificabile in regole di vita, sentimenti e manifestazioni di omaggio, venerazione e adorazione, che lega l’uomo a quanto egli ritiene sacro o divino.”

Zhang Huan, Sydney Buddha, 2015 contemporary sacred art CoSA
Zhang Huan, Sydney Buddha, 2015

Quando si confrontano diverse tradizioni religiose, sarà necessario fare attenzione a non dare per scontata la propria idea di religione. C’è chi la intende come un insieme di tradizioni e di riti che vengono coltivati da un certo gruppo di persone e che vengono trasmessi di generazione in generazione. Per altri è un sistema di regole di comportamento, una concezione di ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Una certa “visione del mondo”. Viene intesa come una dottrina che spiega il rapporto dell’essere umano con tutto ciò che sta al di là della realtà materiale. Invece c’è chi preferisce che rimanga un rapporto individuale che ciascuna persona sviluppa con ciò che è sacro.

Non uomini che non siano legati a qualcuno o qualcosa.

Un dovere che nasce dallo stare in un insieme di persone con un unico obiettivo. L’esperienza del sacro in genere può essere caratterizzato da due tipi di affetto. Il primo è il fascino, attrazione che una cosa o una persona esercita su di me. Il secondo, dall’altra parte, produce un’esperienza di paura, timore. Si dice che è tremendum, totalmente altro. Qualcosa di straniero a noi, di incompreso, di inesplicato. Dio, come un estraneo, può mettere timore, paura. Quello che non conosco mi inquieta.

Bertozzi & Casoni, Scegli il Paradiso, 1997 contemporary sacred art cosa
Bertozzi & Casoni, Scegli il Paradiso, 1997

È necessario vedere come il sacro viene percepito, viene ai sensi, crea e produce emozioni. L’artista sa abitare la dinamica del sacro, è capace di dirlo in azioni di tutti i giorni. Tutte le azioni partono da una sensazione di credito, di fiducia, di fede. L’artista non fa altro che dare fiducia ad un oggetto. Ripone in esso la speranza di poter comunicare un sentimento. Cos’è questo se non fede in qualcosa.

Credits:
www.riflessioni.it
dizionari.corriere.it